Progetto Istruzione Futuro

Sintesi
Presentazione
Relazione
Disegno di Legge
Analisi

Download

Abbiamo fatto... PDF E-mail

Come primo nostro progetto abbiamo deciso di scrivere una lettera aperta al Presidente Napolitano, di cui abbiamo fatto chiesto la sottoscrizione a molti cittadini. E’ stato un impegno notevole e in tutta Italia abbiamo ottenuto circa 14mila adesioni, di cui 6mila in rete e 8mila cartacee.


Il 2 giugno 2010, sessantaquattresimo anniversario della nostra Repubblica, siamo stati ricevuti al Quirinale, e abbiamo ufficialmente consegnato la lettera sottoscritta da tanti cittadini e da diverse personalità, tra cui Nichi Vendola e Margherita Hack, alla presidenza della Repubblica. Nell’incontro con un consigliere del Presidente ci è stato ribadito, tra le altre cose, che i contenuti della lettera aperta saranno presi in considerazione per futuri interventi del Presidente. Prima di andare al Quirinale, abbiamo organizzato una manifestazione, in Piazza Navona,  che si è svolta con notevole partecipazione di pubblico. Sono stati presentati dai diversi oratori i grandi temi che la mancata attuazione della Costituzione solleva e che affliggono la società italiana. Questa emergenza che riguarda sia l’economia, sia la società, sia l’istruzione, sia la cultura, sia l’etica, non ha precedenti nella storia della Repubblica. Nei diversi interventi sono state presentate le testimonianze di alcuni nostri associati che hanno parlato con entusiasmo e con vigore. Ha concluso la manifestazione Gaetano Crocellà, presidente dell’Associazione. Egli ha ribadito che l’Italia sta vivendo un momento drammatico e se le Istituzioni non interverranno decisamente il Paese morirà. L’oratore ha infine sostenuto che tutto ciò sarebbe stato fatto presente al Quirinale, nella speranza di incontrare il Presidente, che ancora rassicura il Paese. Sono intervenuti anche Helene Benedetti - uno degli amministratori della stupenda pagina in facebook: “Informare per resistere” - e la scrittrice Samanta Di Persio che ha letto l’appello al Capo dello Stato. Era inoltre presente Franca Corradini, esponente molto conosciuta e di rilievo della rete.

 

Alla fine del 2010 abbiamo elaborato un saggio intitolato “ Il lavoro che vorremmo” che ha sviluppato un notevole dibattito  nel mondo delle associazioni e nei movimenti. Il documento è stato pubblicato sulla rivista “ Alternative per il socialismo” Speriamo che il ministro competente professoressa Fornero ne possa tenere conto nella redazione dei suoi programmi.

 

Democrazia per l'Italia Democrazia per l’Italia
Sede legale: Corso Re Umberto, 30 - 10128 Torino
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
AddThis Social Bookmark Button
 
Copyright © Democrazia per Italia
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin